Menu
Viaggi Gourmet

I sapori della Sicilia

La Sicilia è una regione ricca di tutto: storia, cultura, architettura, paesaggi mozzafiato, mare, montagne, vulcani… tanti contrasti e qualche rivalità che si ritrova anche in splendide e gustose prelibatezze per il palato!

La Sicilia è una regione ricca di tutto: storia, cultura, architettura

Almeno di nome conosciamo tutti le iconiche arancine di riso ripiene di ragù, i cannoli o i dolci di marzapane e le cassate. Vogliamo farvi scoprire qualche altra leccornia!

In giro per Catania ad esempio potremmo far colazione con un Iris: una deliziosa brioche morbida che al suo interno racchiude una crema di ricotta e scaglie di cioccolato. La versione originale è fritta. Ne è poi stata ideata una versione “leggera” al forno nel 1901 dal pasticcere palermitano Antonio Lo Verso in onore della prima messa in scena dell’opera “Iris” di Pietro Mascagni al Teatro Massimo. 

i cannoli o i dolci di marzapane e le cassate

A Palermo, città capitale dello street food, gironzolando per i suoi vicoli non si può non assaggiare lo sfincione una focaccia di pasta lievitata cotta in forno condita con salsa di pomodoro, cipolle, alici e caciocavallo e origano.

La risposta catanese allo sfincione è la cipollina: uno scrigno croccante di pasta sfoglia ripieno di salsa di pomodoro, cipolline stufate, prosciutto e mozzarella.

Torniamo a Palermo e troviamo pane e panelle: un delizioso panino di sesamo, la Mafaldina, riempita di panelle fritte che sono fatte di acqua e farina di ceci; spesso ad accompagnarle troviamo i cazzilli, semplici crocchette di patate condite con sale, pepe e limone.

i dolci di marzapane

Andiamo a Messina e scopriamo il pidone: un rustico fritto ripieno simile a un calzone, di impasto sottile e croccante imbottita di acciughe, tuma e indivia riccia.

Concludiamo il nostro tour siciliano alla Vucciria a Palermo, uno storico mercato legato alla carne e ai prodotti derivati dagli animali,  per un panino “ca meusa” la milza di vitello. Milza, trachea e polmone vengono bollite intere, poi sminuzzate e soffritte nello strutto. Vengono poi servite in un panino al sesamo che può essere “schettu”, letteralmente celibe, e quindi condito solo con un po’ di limone oppure “maritatu” quindi con la giunta di ricotta o caciocavallo.

condito solo con un po’ di limone

Vi è venuta fame vero?  Anche a noi insieme al desiderio di scoprire altre tradizioni del nostro Bel Paese!

Alla prossima… e buon appetito!

Non ci sono Commenti

    Lascia un commento

    Iscriviti al Grillo Viaggiante e Caesar Tour Clicca qui

    Scroll Up

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi